cerca imprese e professionisti CNA
06 Aprile 2016
La CNA di Latina va in Polonia per il business delle aziende laziali

Il Presidente della CNA di Latina, Angelo Agnoni, è stato a Lublino per capire le opportunità di mercato per le aziende della nostra regione 
 

Il Presidente Angelo Agnoni:È  stata l'occasione per meglio comprendere le opportunità che la Polonia può presentare per le imprese laziali. In Polonia è forte l'apprezzamento per tutto ciò che è italiano e questo è un buon punto di partenza per i prodotti Made in Italy del settore arredo casa


Sì è conclusa con successo la partecipazione espositiva della CNA Latina alla Fiera dei materiali e tecnologie di costruzione LUBDOM 2016,  a Lublino, dal 1 al 3 aprile 2016.  La partecipazione è parte del progetto "Build in Lublin 2020" promosso dalla CNA Latina con il co-finanziamento della Regione Lazio e l'assistenza tecnica della Prometeo Srl e della Camera di Commercio Italiana per la Polonia.

Obiettivo primario dell'evento era quello di raccogliere "dal vivo" informazioni qualificate sulle opportunità di penetrazione sul mercato polacco delle imprese del settore costruzioni, restauro e arredi.

Gli operatori polacchi del settore che hanno avuto occasione di interagire con i rappresentanti CNA di Latina presenti in Fiera hanno confermato l'esistenza di un mercato edilizio in forte espansione, non solo nelle grandi città della ricca zona del sud del paese, ma anche in aree tradizionalmente meno sviluppate che stanno fortemente investendo per recuperare il ritardo di sviluppo.

L' interesse primario è soprattutto per materiali e tecnologie innovativi, che possano rispondere alla domanda locale di migliorare ulteriormente la qualità delle costruzioni, già in linea con i migliori standard europei.

 “È  stata l'occasione per meglio comprendere le opportunità che la Polonia può presentare per le imprese laziali – ha affermato il Presidente della CNA Latina, Angelo Agnoni -. È stato confermato un forte processo di sviluppo edilizio, soprattutto nelle grandi città, che può generare opportunità concrete soprattutto per imprese produttrici di materiali da costruzione innovativi o per imprese che forniscono servizi ad alto valore aggiunto, che non siano già disponibili in Polonia. È  da considerare infatti che la Polonia vanta una buona cultura nel campo delle costruzioni e costi di realizzazione fortemente competitivi. Un forte accento è stato posto sull' ambizioso programma di sviluppo infrastrutturale in corso, sostenuto da finanziamenti della UE”.

“In Polonia è forte l'apprezzamento per tutto ciò che è italiano e questo è un buon punto di partenza per i prodotti Made in Italy del settore arredo casa – continua il Presidente Angelo Agnoni -. La capacità d'acquisto dei consumatori polacchi è in crescita: attualmente il reddito medio pro capite è di circa 1000 euro mese, con una bassa sperequazione fra le varie fasce sociali. La crescente classe di giovani con alto livello di istruzione e impieghi di buon livello rappresenta il target ideale per le produzioni italiane, essendo in grado di comprendere il valore della qualità e del design italiani. Non bisogna infatti dimenticare che la Polonia vanta una buona produzione locale di arredamento e forte è la presenza dei produttori scandinavi.

Il presidente della CNA di Latina, Angelo Agnoni,  accompagnato dal dottore Sgambato della Prometeo ha incontrato a Varsavia la dottoressa Satti ed il Dottor Cianci,  rispettivamente  Consigliere Economico e Attaché Commerciale dell'Ambasciata Italiana in Polonia e la dott.ssa Caprino, Segretario Générale della Camera di Commercio Italiana in Polonia, che sta collaborando con CNA Latina per la realizzazione del Progetto "Build in Lublin 2020".

A seguire è stato incontrato il Sig Adam Pawlic della ditta Crisoma, che aveva partecipato alla delegazione polacca in visita a Latina, il quale ha prospettato alla ditta Naici un potenziale cliente per la realizzazione di un progetto in un importante e noto esercizio commerciale nel centro di Varsavia, che potrebbe rappresentare un ottimo biglietto da visita per l'azienda stessa  nonché per la filiera laziale di imprese del settore.

                                                                                                                                 Il Direttore

 

                                                                                                                              Antonello Testa